fbpx
alsistem calabria stabilimento

Quando l’emergenza da Coronavirus è iniziata nessuno era in grado di prevedere quanto a lungo sarebbe durata. Alla fine, con il DPCM del 10 aprile 2020 la data di riapertura del Paese è slittata al 3 maggio, con qualche disparità di trattamento come indicato da Guida Finestra.

ALsistem Calabria: quando riaprirà l’azienda?

L’azienda calabrese del gruppo ALsistem riaprirà il 4 maggio, fino a quel momento resteremo in casa come previsto dalle disposizioni del decreto legislativo del 25 marzo.

Nell’attesa di nuovi aggiornamenti continuiamo a lavorare in smart working, accogliendo richieste di preventivi e studiando le prospettive future. In questo periodo abbiamo dovuto fare i conti con l’isolamento e il distanziamento sociale. Due pratiche assolutamente necessarie affinché l’emergenza Covid-19 possa finalmente trovare la sua conclusione.

Ciò che resta di questo periodo è sicuramente lo sforzo collettivo che tutti hanno imparato a sopportare. Non soltanto dal punto di vista fisico, ma soprattutto emotivo. L’essere umano ha bisogno del contatto sociale e della relazione con gli altri. È uno scambio necessario, utile per accrescere le nostre conoscenze e affinare l’abilità al confronto.

Ripartire sarà un ulteriore atto di coraggio. Perché ogni giorno di chiusura costa tantissimo alle imprese e in special modo quelle che operano nell’ambito edilizio. Lo abbiamo visto con i dati dell’UNICMI, che registravano dati positivi prima del sopraggiungere dall’emergenza Coronavirus.

Eppure, non ci lasciamo travolgere dalla negatività. Siamo pronti per rialzarci ancora una volta e riaprire le porte di ALsistem Calabria il 3 maggio. Anche se con qualche settimana di ritardo rispetto alle altre imprese che non si occupano di serramenti metallici.

Novità per i serramenti metallici

C’è una riflessione interessante che ha sottolineato Guida Finestra in uno dei suoi ultimi articoli dedicati alle novità nel mondo dei serramenti.

All’indomani del DPCM pubblicato l’11 aprile in Gazzetta Ufficiale ci sono state molte perplessità in merito alle riaperture del 14 aprile. Leggendo l’allegato 3, dove sono presenti i codici ATECO abilitati a riaprire i battenti, emergono alcune discrepanze.

Le attività a cui è stato concesso riaprire, per quanto concerne il mondo dei serramenti, sono quelle che commercializzano profili in PVC e in legno. Tra i codici ammessi, cioè, mancano i serramenti metallici (codice Ateco 25.12), quindi quelli in alluminio e in acciaio. E cioè porte, finestre, tende tecniche in metallo.

Il primo ministro Conte ha comunque specificato che tutte le attività dovranno ripartire seguendo le condizioni di massima sicurezza sanitaria. Ma fino al 3 maggio continueranno a essere ferme le attività di produzione e commercializzazione di infissi in metallo e di posa in opera.