fbpx
Profili in alluminio per serramenti

I profili in alluminio per serramenti sono pensati appositamente per assolvere a specifiche esigenze di costruzione. Si tratta di elementi che ci permettono di realizzare infissi e serramenti in grado di oscurare e proteggere gli interni.

Ecco perché ci sono molti tipi di profilati in alluminio per infissi, ognuno con specifiche caratteristiche. E nella scelta del profilo più adatto si sovrappongono tre particolarità: il modo in cui si aprono, il grado di sicurezza per la casa e quanto ci fanno risparmiare in bolletta.

Tutti questi requisiti sono importantissimi anche per la scelta del giusto infisso. Quello che, in altre parole, ci fa dormire sogni tranquilli e migliora il nostro comfort in casa. Ma andiamo per ordine e consideriamo il materiale con cui i profili in alluminio per serramenti sono fatti.

Caratteristiche dei profili in alluminio

L’alluminio è un materiale leggero, con una massa volumica tre volte inferiore rispetto all’acciaio. Proprio questa caratteristica è essenziale per realizzare profili di alluminio in ambito edilizio. Sebbene sia stato impiegato dalla fine del ‘800, l’alluminio ha trovato grande impiego nelle costruzioni.

Infatti, l’alluminio è ottimo per realizzare facciate continue, telai per serramenti, persiane, porte, rivestimenti, pannelli divisori e schermature solari. Tuttavia, i profili di alluminio sono realizzati con leghe di alluminio e non con alluminio puro.

Le leghe in alluminio, infatti, hanno una resistenza meccanica idonea per la realizzazione dei serramenti. I principali elementi miscelati all’alluminio sono il rame, lo zinco, il magnesio e il silicio. In questo modo, si migliorano le prestazioni in termini di resistenza a trazione e alla corrosione.

In definitiva, leggerezza, economicità, durabilità e precisione nella lavorazione sono le caratteristiche ideali per la produzione di profilati strutturali. E non solo! Infatti, le leghe in alluminio sono indicate anche per strutture secondarie di facciata, lastre o pannelli per chiusure orizzontali e verticali.

Profili in alluminio per serramenti, finestre e porte-finestre   

Profili in alluminio ALsistem
Luce, la finestra con profili in alluminio Alsistem – Fonte: Alsistem.it

Quando si parla di serramenti per la maggior parte delle volte pensiamo alle finestre. In effetti, questa tipologia di infisso è una delle più comuni configurazioni utilizzate in architettura. Sebbene ci siano molteplici altri serramenti, sono proprio le finestre quelle che ci interessano maggiormente.

Il motivo del nostro interessamento è dovuto al fatto che rappresentano la più comune apertura di un appartamento. Infatti, la finestra ci garantisce illuminazione e aerazione della casa. Caratteristiche che rendono questi infissi così importanti.

In commercio esistono molteplici tipologie di finestre. Esse, infatti, si distinguono per apertura, materiale impiegato, classe di effrazione e di trasmittanza. Tutti questi criteri possono essere applicati allo stesso modo anche per le porte finestre.

Profili in alluminio per porte-finestre

Le porte-finestre sono serramenti molto simili alle finestre, ma si differenziano da esse per grandezza e funzionalità. La similitudine principale sta nella messa in opera, che è praticamente la stessa per i due infissi. Le differenze che possiamo riscontrare, però, sono fondamentali.

Prendiamo, ad esempio, i sistemi a battente. Una finestra a battente, insieme al complesso sistema di elementi che la compongono, è dotata di battuta inferiore. Si tratta di una soglia in alluminio utile per non far passare acqua e aria. Invece, nella porta-finestra questo elemento può essere assente.

L’assenza di una soglia è ideale per quelle porte-finestre particolarmente trafficate. E ciò perché la soglia può essere d’intralcio per il passaggio. Tuttavia, per migliorare la tenuta all’aria dei serramenti si utilizzano delle soglie ribassate.

Profili di alluminio per sistemi oscuranti

Un ulteriore sistema realizzato con profilati strutturali alluminio sono i sistemi oscuranti. Si tratta di vere e proprie soluzioni per regolare o limitare l’ingresso della luce negli ambienti. Tale tecnologia è particolarmente impiegata per quegli edifici esposti a sud, poiché limitano gli effetti dell’irraggiamento solare.

Inoltre, i sistemi oscuranti sono ideali per proteggere la privacy, senza dover necessariamente oscurare del tutto la visuale. Ecco perché esistono profili in alluminio utilizzati per la realizzazione di persiane o gelosie. Infatti, la presenza di lamelle orientabili favorisce non solo la regolazione dell’aria, ma anche della luce. Oscurando comunque la vista agli sguardi esterni.

Continuando nella rassegna dei sistemi oscuranti, sono molto comuni le tapparelle. Sono teli in alluminio che si avvolgono su un rullo e il cui movimento può essere manuale o motorizzato. Ad oggi, le moderne tecnologie ci permettono di aprire e chiudere gli infissi anche a distanza, tramite sistemi remoti.

Profili in alluminio per serramenti a facciata continua

Profili in alluminio: facciata continua
Profili in alluminio per il Centro Ricerche Ferrari. Studio Fuksas. Fonte: modulo.net

A proposito di tecnologia: i profili di alluminio più affascinanti sono senza dubbio quelli utilizzati per le facciate continue o curtain-wall. Si tratta di una struttura complessa leggera, un reticolato ancorato alla struttura portante di un edificio, che sostiene un rivestimento di facciata continuo.

In altre parole, una facciata continua in vetro e metallo è costituita da un’ossatura realizzata con profilati, che possono assumere diverse forme a seconda del tipo di facciata.

La scelta di questo materiale è dovuta al fatto che l’alluminio è molto duttile, il che lo rende particolarmente idoneo alla realizzazione di profilati dalle forme complesse. Inoltre, è un materiale leggero e resistente alla corrosione. Quest’ultima è garantita dalla capacità dell’alluminio di reagire con l’ossigeno producendo uno strato di ossidazione.

Tornando alle curtain-wall, inizialmente venivano utilizzati vetri totalmente trasparenti. Tuttavia, questa scelta comportava evidenti problemi per la schermatura solare, praticamente assente. Di conseguenza, una vetratura del genere aumentava i costi per il raffreddamento degli interni e l’imbarazzo per l’assenza di privacy.

Successivamente, sono stati introdotti vetri riflettenti oppure opachi, in grado di schermare le radiazioni solare e migliorare le prestazioni termiche degli edifici. Un esempio di facciata continua strutturale è il Centro Ricerche Ferrari, progettato dall’architetto Fuksas. Un edificio suggestivo ideato per migliorare l’ambiente lavorativo, grazie alla combinazione di elementi che si mescolano tra loro.