fbpx
Finestra in PVC o alluminio? Guida alla scelta

Meglio una finestra in PVC o alluminio?

Tra le diverse distinzioni possibili ce n’è una che può tornarci utile: quella sul materiale. Sì, perché ci potrebbe far riflettere su quali siano le prestazioni che ci aspettiamo dal serramento. Inoltre, ci apre un ventaglio di possibilità sul versante del design. E, poi, a materiali diversi corrisponde un risultato differente, in termini di isolamento.

Allora, torniamo alla domanda principale: è meglio una finestra in PVC o alluminio?

In quest’articolo ci soffermeremo sulle diverse caratteristiche dei serramenti, che abbiano differente materiale. Dalla resistenza alla conducibilità, fino ad arrivare alla scelta tra finestre alluminio o PVC. Vogliamo procedere?

PVC o alluminio: materiali a confronto

Il PVC

Iniziamo con i serramenti in PVC. Di che materiale stiamo parlando e come mai è così diffuso?

Il PVC è l’acronimo di polivinilcloruro. Si tratta di un polimero di sintesi che rientra nel novero delle resine termoplastiche sintetiche. In altre parole, una volta realizzato il profilo in PVC, questo può essere rifuso e, quindi, fatto solidificare di nuovo.

I serramenti in PVC riciclati sono buoni come quelli in materiale non riciclato. Tuttavia, la sostenibilità ambientale nella produzione di tali infissi è intaccata. Il motivo è da risalire alla presenza di additivi e cariche, che vanno a influire sulle qualità meccaniche del PVC.

L’alluminio

Le finestre in alluminio hanno da sempre ottenuto grande successo, sebbene quelle in PVC siano diventate molto popolari già nel dopoguerra. Il motivo di tanta popolarità è certamente da imputare al prezzo. Infatti, quelli in plastica sono infissi relativamente economici.

Le leghe di alluminio, che compongono i profili, sono caratterizzate da un’elevata resistenza meccanica. Questo perché vengono trattate termicamente, il che migliora anche le prestazioni dal punto di vista della conducibilità.

L’alluminio, infatti, è un materiale che conduce calore. E ciò è assai spiacevole, perché si rischia di surriscaldare gli interni d’estate e far confluire tutto il calore all’esterno quando è inverno. Tuttavia, questo problema di conduzione è stato ampiamente risolto creando profili a taglio termico.

Finestra in pvc o alluminio: quale scegliere?

Allora torniamo alla domanda principale: meglio finestre in PVC o alluminio?

Chiariamo una cosa: non c’è mai una risposta definitiva quando si tratta di edilizia e strumenti per il risparmio energetico.

Ecco perché, ad esempio, prima di scegliere finestre alluminio o pvc dovreste sapere qual è l’esposizione del tuo appartamento oppure qual è la zona climatica in cui vivete. Insomma, una serie di elementi che possono fare chiarezza sulle risposte che stiamo per fornirvi in merito alla scelta tra una infissi in alluminio o pvc.

Alluminio o PVC: tiriamo le somme

Andiamo per ordine:

  • Le finestre PVC di base non conducono calore, però hanno una dilatazione termica di circa 0, 40 mm/(m °C). Che vuol dire? Che si deforma e si dilata quando ci sono sbalzi di temperatura;
  • Le finestre in alluminio, invece, conducono calore, però se trattate con taglio termico ottengono prestazioni termiche elevatissime;
  • Gli infissi in materiale plastico possono essere verniciati, però tendono a perdere colore;
  • Gli infissi in alluminio non necessitano di trattamenti superficiali, sebbene ce ne siano tanti ed esteticamente interessanti;
  • I profili in PVC richiedono poca manutenzione, ma anche quelli in alluminio;
  • I profili in alluminio costano un po’ di più, ma durano tre volte di più rispetto a quelli in plastica.

Quale scegliere allora? Decidete voi, noi vi abbiamo solo fornito gli strumenti per farlo.

Nello scegliere considerate sempre un fattore fondamentale: i miglior serramento non funziona se la posa in opera non è fatta a regola d’arte.

Pertanto, insieme agli infissi migliori, scegliete anche un serramentista di fiducia in grado di soddisfare tutte le vostre richieste.