chiudere il terrazzo con una veranda

Le verande permettono di chiudere il terrazzo per ricavare una stanza con grande efficienza e risparmio rispetto a più complesse opere murarie. Largamente diffusa tra gli anni ‘70 e ‘90, questa soluzione ha mutato notevolmente l’aspetto delle case dell’epoca.

Oggi esistono numerose soluzioni capaci creare nuove aree abitative all’interno di un appartamento, il tutto sfruttando lo spazio offerto da balconi e terrazzi. In questo modo riuscirai a dare nuova vita alla tua abitazione aggiungendo una comoda zona living o un cucinino rustico.

Scopri in questo articolo di ALsistem Calabria tutto quello che devi sapere per progettare la tua veranda.

Perché chiudere il terrazzo per ricavare una stanza?

Sono diverse le motivazioni che potrebbero portarti alla scelta di chiudere il terrazzo o un balcone per ricavare una nuova stanza. Tra queste troviamo:

  • Nascita: l’arrivo di un nuovo membro in famiglia comporta un’immediata necessità di spazio in casa. Non sempre si dispone di una stanza per il nuovo arrivato, ma una veranda può aiutare a guadagnare abbastanza spazio per evitare il trasferimento in un appartamento più grande;
  • Esigenze lavorative: lo smart working ha rivoluzionato il mondo del lavoro e sempre più aziende riducono le ore in ufficio favorendo il lavoro da casa. Questo rende necessario creare dei piccoli uffici per poter lavorare in casa con la massima privacy;
  • Rinnovamento appartamento: spesso la creazione di una nuova stanza chiudendo il terrazzo può rientrare in un piano di restauro della tua abitazione.

Che sia per necessità o per puro vezzo, chiudere il balcone per ricavare una stanza garantirà al tuo appartamento diversi vantaggi:

  • Rende vivibile il balcone in inverno: nel caso di ampie terrazze, una veranda ti permetterà di sfruttare appieno gli spazi che in inverno probabilmente non utilizzi;
  • Migliora il risparmio energetico: le performance di isolamento termico fornite da una veranda contribuiscono ad abbattere i consumi per il riscaldamento della casa;
  • Rinfresca il look: una veranda è soprattutto un elemento di design e le innumerevoli possibilità di personalizzazione ti garantiscono un risultato di grande impatto estetico;
  • Accresce il valore dell’appartamento: la presenza di una veranda incrementa le aree vivibili di un appartamento. Questo ha un diretto impatto sul pregio dell’edificio stesso.

Continua a leggere per conoscere le caratteristiche fondamentali di una veranda.

Materiali e soluzioni per ricavare una stanza dal terrazzo 

Quando progetti la tua veranda, dovrai tener conto di diversi fattori che vanno ben oltre il semplice gusto estetico. Prima di tutto sarà necessario scegliere il materiale con cui realizzare il telaio del serramento: questo può essere in:

  • PVC: economico ma notevolmente resistente. Si presta a ogni tipo di progetto;
  • Legno: elegante ed estremamente performante dal punto di vista termico. Di contro, risulta decisamente costoso;
  • Alluminio: un materiale in continua evoluzione e completamente personalizzabile, per esempio puoi optare per un alluminio effetto legno.

Per combinare prestazioni e pregio estetico, puoi optare per una soluzione ibrida, come il profilo a taglio termico Topslidewood 214, che unisce una struttura in alluminio al rivestimento in legno, che garantisce il massimo isolamento.

Un altro fattore fondamentale da tenere in considerazione nella scelta della soluzione più adatta per chiudere il balcone e ricavare una stanza è il vetro. Questo proteggerà il tuo nuovo ambiente dalle intemperie assolvendo al lavoro normalmente svolto dalle mura. Il mercato offre diverse tipologie di vetro, tra cui:

  • Vetro anti-sfondamento: si tratta di un vetro ad alta resistenza che protegge la tua casa da effrazioni e fenomeni atmosferici;
  • Doppia camera: questa soluzione massimizza le prestazioni isolanti riuscendo a ottenere una sensibile riduzione delle spese energetiche;
  • Vetro riflettente: fondamentale per garantire la piena privacy a tutti gli occupanti. Si basano su un filtro che riduce la visibilità dall’esterno verso l’interno ma non viceversa.

A questi potrai abbinare ogni sorta di apertura partendo da un’elegante variante scorrevole o una più classica anta a battente.

Ancora prima di progettare la tua nuova veranda, dovrai tenere conto di tutti fattori burocratici, tra cui le autorizzazioni alla costruzione. Continua a leggere per scoprire quali sono.

Le autorizzazioni necessarie per chiudere il balcone e ricavare stanza

In sé, chiudere il terrazzo per ricavare una nuova stanza, non è un intervento murario e non sempre richiede un lungo iter burocratico. L’elemento più importante da tenere in considerazione riguarda il condominio.

Se la tua abitazione è parte integrante di un condominio, sarà necessario comunicare la tua intenzione di realizzare una veranda in sede di assemblea condominiale, al fine di evitare conflitti con gli altri condomini. Questo è importante, in quanto i regolamenti condominiali possono vietare i lavori per diversi motivi, tra cui:

  • Decoro dell’edificio: una delle clausole più invocate quando si parla di lavori in un condominio. La realizzazione della veranda deve seguire tutte le regole in materia di decoro della struttura;
  • Conflitto con altre proprietà: il progetto della veranda e i lavori per la sua realizzazione devono arrecare il minor disagio possibile al vicinato.

Nel caso di una soluzione indipendente, non sarà necessaria l’autorizzazione di terzi, ma sarà importante informarsi riguardo al regolamento comunale. La realizzazione della veranda comporta un incremento della volumetria e, a seconda delle amministrazioni locali, potrà essere necessario richiedere un’autorizzazione prima di procedere ai lavori. In caso contrario si può andare incontro a un abuso edilizio.

In ogni caso, esiste una soluzione che ti permette di costruire la veranda dei tuoi sogni senza correre alcun rischio in termini di autorizzazioni. Scopri nel prossimo paragrafo come fare.

Il segreto per chiudere il terrazzo e ricavare una stanza evitando gli abusi edilizi

Il principio alla base è la temporaneità della costruzione. Dal punto di vista strettamente giuridico, sono le costruzioni permanenti a dover essere autorizzate dai comuni ed è a queste che si applicano le eventuali sanzioni per abusi edilizi.

Per quanto riguarda la veranda o il giardino d’inverno, si può evitare ogni rischio dimostrando che la struttura è a carattere temporaneo. Nello specifico, quando si costruisce un nuovo serramento, evitando opere murarie, questo viene ritenuto elemento temporaneo, in quanto può essere rimosso in qualsiasi momento col semplice intervento di un installatore.

Nonostante l’intera struttura sia fissata saldamente al solaio, questa non risulta essere a tutti gli effetti parte integrante di esso. Ciò permette di realizzare senza alcuna autorizzazione diversi tipi di coperture per esterni, come pergole bioclimatiche o tende oscuranti a caduta.

Stai progettando una veranda ma non sai che soluzione scegliere?

Compila il form e richiedi una consulenza ad ALsistem Calabria.

    Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.